Glossario

pavimenti in legno


• Alburno

Legno della parte esterna dei tronchi, generalmente di colore chiaro e più
alterabile del durame.

• Azzurratura del legno
Alterazione cromatica del legno che può assumere colororazioni
azzurrastre o grigie verdognole dovute alla presenza di alcuni funghi.

• Difetti del legno
Si intende un insieme di anomalie che portano ad una riduzione del
valore del legno. Possono essere di natura strutturale e/o chimica.

• Durame o cuore del legno
Parte interna del fusto degli alberi, la più resistente agli
attacchi dei funghi e degli insetti.

• Durezza
Per durezza del legno si intende la resistenza che esso oppone alla
penetrazione di un oggetto.

• Misurazione della durezza col metodo Brinell
prova effettuata tramite la pressione
di una sfera d’acciaio del diametro di 1 cm su un campione di legno. Il valore è dato
dall’area dell’intaccatura divisa per la forza applicata.

• Misurazione della durezza metodo Janka
prova effettuata con lo stesso criterio del
metodo Brinell con una sfera d’acciaio del diametro di 11,284 mm. Il valore è dato
in questo caso dal carico necessario a far penetrare la sfera fino al suo diametro.

• Essenza
Sinonimo di specie legnosa.

• Essicazione
Eliminazione dell'acqua contenuta nel legno fresco. L'essiccazione del legno
può essere naturale, e cioè ottenuta mediante la semplice esposizione all'aria in ambiente
ventilato e riparato dalle intemperie. Sistemi più rapidi sono quelli di essiccazione
artificiale che fanno ricorso ad apparecchiature ed a procedimenti appositi.

• Evaporato
Indica un trattamento del legno a base di vapore acqueo a temperatura
superiore a 60°.

• Fessurazione
Separazione di due parti del legno nel verso longitudinale o trasversale.
Svariate possono essere le cause: essiccazione, tensioni interne dell'albero ecc. Esse
costituiscono sempre un difetto.

• Fiammato o fiammeggiatura

Indicazione usata per indicare figure cromatiche presenti
nel legno, a forma di fiamma, più o meno aggrovigliate.

• Fibratura
Indica la disposizione degli elementi nella struttura del legno: fibratura diritta,
fibratura intrecciata, fibratura elicoidale, ecc.

• Lamparquet

Tavoletta di legno con fianchi leggermente inclinati per facilitare
l'accostamento è sprovvista di incastri. Spessore da 8 a 10mm - Larghezza da 45 a 60mm
- Lunghezza da 250 a 300mm

• Listoncino
Tavoletta di legno con fianchi leggermente inclinati per facilitare
l'accostamento. Spessore da 12 a 14mm - Larghezza da 65 a 75mm - Lunghezza da 350
a 500mm

• Listoncino MF
Presentano lungo un fianco ed una testa una fresatura, mentre lungo
l'altro fianco e l'altra testa un cordolo sporgente per facilitare l'incastro. Spessore da 14 a
15mm o Larghezza da 75 a 90mm o Lunghezza da 500 a 900mm

• Listone MF
Presentano lungo un fianco ed una testa una fresatura, mentre lungo l'altro
fianco e l'altra testa un cordolo sporgente per facilitare l'incastro.
Spessore 22mm - Larghezza da 80 a 100mm - Lunghezza da 600 a 1200mm

• Maxilistone
Incastri sia ai lati sia alle teste. Spessore 24mm - Larghezza da 100 a
140mm - Lunghezza da 800 a 2000mm

• Magatello
Tavoletta di legno di abete a sezione trapezoidale di lunghezze varie, sulla
quale usualmente vengono chiodate le liste del pavimento.

• Mosaico
Insieme di lamelle disposte in modo da creare disegni geometrici elementari
fissate su un supporto flessibile.

• Nodo
Indurimento della parte legnosa.

• Ossidazione
Variazione cromatica dovuta all’esposizione del legno alla luce.

• Parchetto (parquet)
Di derivazione dal francese parquet. Indica il pavimento in liste di legno.

• Pavimento industriale
Costituito da lamelle ad alta resistenza disposte in verticale.
Spessore da 20 a 24mm. Sono ricavati dai materiali scartati dalle lavorazioni dei
pavimenti tradizionali. Fibra mista, tonalità anche contrastante. Possono contenere parti
di alburno, nodi grossi, moschettature, macchiature, difetti di lavorazione, silicio ecc...

• Prefinito
Elemento maschiato, costituito da più strati, anche di diverso legno, con lo
strato superficiale di legno pregiato, levigato e verniciato in fase di produzione. Le
giunzioni sono calibrate per garantire complanarità tra i vari listoni.

• Mosaico
Pavimento costituito da tavolette, con tessere della stessa specie legnosa, o di
specie diverse, disposte a disegno ornamentale.

• Rigonfiamento
Aumento di dimensioni, e pertanto di volume, per assorbimento di umidità.

• Ritiro
Diminuzione delle dimensioni lineari (ritiro lineare) e del volume (ritiro
volumetrico) di un pezzo di legno per perdita di umidità.

• Scelte
Secondo la norma UNI il parquet va classificato nelle seguenti scelte
Prima scelta
In questo caso la fibra può essere sia rigatina che piatta e contorta, senza che il prevalere
di quest'ultima caratteristica possa portare a una declassificazione. La norma prevede
anche arricciature di vena e la tolleranza di piccoli nodini sulla faccia in vista, a patto che
questi non interessino oltre il 10% della superficie. A seconda delle specie legnose, la
colorazione può variare anche molto: da una miscela cromatica realtivamente uniforme ad
una contrastante. Naturalmente i toni dei campioni sono sempre e solo indicativi. Alcuni
legni, soprattutto di provenienza equatoriale e tropicale, in origine hanno una colorazione
tenue che assume poi aspetti di notevole intensità cromatica con l'esposizione alla luce
(fenomeno naturale, definito "ossidazione").
Scelta alburnata o zebrata
Si parla di elementi con porzioni più o meno evidenti di alburno, cioè della parte legnosa
più vicina alla corteccia del tronco (o sottocorteccia), solitamente di colore biancastro o
giallognolo. Si consiglia, di assicurarsi che essa sia stata trattata contro il tarlo (Lyctus)
prima della posa, altrimenti sarà opportuno effettuare il trattamento nel corso della posa
in opera.
Scelta nodata o natura o rustica
Comprende tutti gli elementi aventi su entrambe le facce difetti di varia natura, come
nodi, macchie, strisce scure accentuate, sgranature di lavorazione, tracce di tarlo non
attivo, screpolature, setolature e altro. Sono difetti che non compromettono l'impiego
degli elementi di questa scelta. La posa in opera richiede un impegno particolare per
ottenere un buon risultato finale, ovviando alle imperfezioni di partenza. Il risultato può
essere comunque brillante, a fronte di un notevole vantaggio economico

• Specchiatura
Indica il disegno lucente dato nelle sezioni radiali dai raggi midollari. La
specchiatura conferisce un notevole pregio al legname.

• Stonalizzazione
Intende un passaggio di gradazioni cromatiche visibili e non
armonizzabili.

• Umidità
L’umidità del legno dipende dallo stabilirsi di un equilibrio tra l’ambiente in cui si
trova il legno ed il legno stesso.

• Venatura
Aspetto dei tessuti legnosi delle sezioni longitudinali.

Alburno 01
Alburno 02
Alburno 03